Mmp: qualcosa che si mangia?

Ma le Mmp è qualcosa che si mangia? Perchè parlarne nel blog dedicato ai capelli?

Le MMP, ovvero le metalloproteasi della matrice, sono enzimi in grado, nel loro insieme, di degradare praticamente tutti i componenti della sostanza intercellulare della giunzione dermo-epidermica, collagene ed elastina compresi. In condizioni normali, l’attività di queste MMP viene controllata da antagonisti fisiologici speci-fici (Tissue inhibitor of metalloproteinase, TIMP), mentre sotto l’effetto di radiazioni solari la loro attività aumenta notevolmente. Numerosi estratti da piante sono tuttavia in grado di inibire questa attivazione delle MMP a seguito dell’irraggiamento UV. Questi estratti possono essere ovviamente di importante impiego cosmetico.

In ambito tricologico o meglio di tricologia olistica, l’utilizzo di olii essenziali per contrastare l’attività delle MMP viene svolta soprattutto nei programmi per soggetti con caduta non fisiologica di capelli, associato spesso a stati infiammatori, oppure per coloro che hanno semplicemente problemi di cute sensibile.

I primo studi dei danni delle MMP sulla matrice furono svolti circa 15 anni fa da alcune aziendi produttrici di lozioni per la caduta dei capelli. Da allora è sempre di più stata seguita la strada di lavorare non solo con un prodotto che stimolasse la ricrescita del capello ma piuttosto con un programma completo che comprendesse la detossinazione, la disinfiammazione, antiossidanti e solo in ultimo i prodotti stimolanti.

In un concetto di tricologia olistica a tale percorso viene aggiunta una corretta alimentazione e respirazione.

Vai alla Spa del capello.

Lascia un commento